Conferenza Internazionale “Le strade dell’Amore” 2014

Il Sinodo straordinario dei Vescovi cattolici sulla famiglia, indetto in Vaticano dal 5 al 19 ottobre 2014, s’interrogherà su numerosi temi, dalle unioni «di coppie che vivono insieme senza matrimonio religioso o civile», all’accompagnamento dei divorziati risposati, delle unioni di persone dello stesso sesso al problema dell’educazione dei loro figli. Temi su cui la Chiesa Cattolica torna finalmente a riflettere e a interrogarsi.
Vari gruppi e movimenti cattolici italiani ed internazionali, a poche ore dall’inizio del Sinodo dei Vescovi, hanno deciso di organizzare a Roma per Venerdì 3 ottobre 2014 la conferenza internazionale “Le strade dell’Amore” che vuole proporre ad alcuni teologi, provenienti da varie parti del mondo, un tema impegnativo: «Quale pastorale con le persone omosessuali e transessuali». Perchè non si può infatti parlare di famiglia senza parlare di tutte le famiglie, incluse quelle che hanno dovuto, che devono e che dovranno confrontarsi con l’omosessualità.

Alla conferenza “Le strade dell’Amore” si parlerà dei genitori delle persone omosessuali, che sono chiamati a vivere un percorso di accettazione in cui, spesso, « si deve diventa genitore per una seconda volta».
Si parlerà di quegli omosessuali che si sentono chiamati a vivere fino in fondo la loro appartenenza alla chiesa cattolica e la loro fedeltà al Vangelo. Si parlerà dei figli delle persone omosessuali: frutto a volte di un matrimonio precedente o della scelta di vivere un’esperienza omogenitoriale (bambini e bambine, vale la pena ricordarlo, che hanno comunque diritto a un percorso comunitario di educazione alla Fede). Si parlerà dei tanti omosessuali e transessuali che non sono riusciti a costruire relazioni di coppia stabili e che sentono il peso della loro solitudine affettiva.
Si parlerà, infine, anche delle mogli e dei mariti di quelle lesbiche e di quei gay che, dopo aver scelto un matrimonio in cui la loro omosessualità veniva non solo nascosta, ma anche negata, non ce l’hanno più fatta a vivere una vita che non era la loro e hanno abbandonato la famiglia, lasciandosi alle spalle un paesaggio segnato dall’amarezza e dalla delusione.

Alla conferenza, moderati da Marco Politi (giornalista e vaticanista), porteranno il loro contributo:

– monsignor Geoffrey Robinson, vescovo emerito dell’arcidiocesi cattolica di Sidney (Australia), che si chiederà come la Chiesa cattolica può incamminarsi verso una nuova comprensione delle vite e degli amori delle persone LGBT;

– padre James Alison (teologo e sacerdote cattolico inglese che ha operato molto in Sud America e che ha dedicato alcune pubblicazioni al rapporto tra coscienza cattolica e coscienza gay) che spiegherà come omosessuali e transessuali possono diventare i protagonisti di una nuova evangelizzazione più inclusiva e capace di accogliere tutte le diversità e di liberarle dal clima di oppressione e di discriminazione che si respira in molte parti del mondo;

– la teologa e suora domenicana Antonietta Potente, che proporrà alcuni spunti per arrivare finalmente a un nuovo approccio, più inclusivo, quando si parla di evangelizzazione delle persone LGBT;

– la pastora valdese Letizia Tomassone che, partendo dal suo punto di vista di Presidente della Commissione su Fede e omosessualità delle chiese Battista, Metodista e Valdese, racconterà il cammino che queste chiese hanno fatto dal pregiudizio all’inclusione completa;

Joseanne Peregin, Presidente della Christian Life Community di Malta e mamma di un ragazzo omosessuale, che racconterà infine le paure e le speranze dei genitori delle persone LGBT.

Vi saranno anche alcune testimonianze di gay e lesbiche cattolici e la lettura di un “Appello per una pastorale di accoglienza delle persone omosessuali” che sarà poi consegnato al Sinodo dei Vescovi. La conferenza internazionale “Le strade dell’amore: per una pastorale con le persone omosessuali e transessuali” vuol offrire ai padri sinodali delle proposte concrete al cammino che la chiesa cattolica deve percorrere, per accogliere le persone omosessuali e transessuali con “rispetto, compassione, delicatezza” evitando “ogni marchio di ingiusta discriminazione” (Catechismo della chiesa cattolica, n.2358)

.
.
PROGRAMMA

14.00 Registrazione e accoglienza
14.45 Marco Politi (giornalista e vaticanista) Introduzione
15.00 Vescovo Geoffrey Robinson Verso una nuova comprensione delle vite e degli affetti delle persone LGBT
15.50 James Alison (teologo e autore di libri) Un nuovo approccio teologico per una completa inclusione delle persone LGBT nelle comunità cattoliche
16.20 Antonietta Potente (teologa e suora domenicana) Dall’esilio all’inclusione, dall’attesa alla partecipazione; un nuovo approccio per le persone LGBT

16.50 Coffee Break17.20 Video “I desideri e le vite delle persone LGBT cristiane” della regista Yulia Matsiy, regista indipendente di origini russe residente a Milano

17.50 Letizia Tomassone (Presidente della commissione BMV su fede e omosessualità) Il percorso delle chiese protestanti dal pregiudizio all’inclusione completa delle persone LGBT
18.20 Joseanne Peregin (Presidente della Christian Life Community di Malta) Le paure e le aspettative dei genitori con figli LGBT
18.50 Rappresentanti delle persone LGBT cattoliche italiane “Contributi e proposte al Sinodo dai cattolici LGBT italiani(File PDF)

19.00 Domande e risposte
20.00 Conclusioni

 

“Le strade dell’Amore”. Conferenza internazionale per una pastorale con le persone omosessuali e transessuali (Roma, 3 ottobre 2014)

Conferenza patrocinata dall’European Forum of LGBT Christians (Forum Europeo di Cristiani LGBT) e realizzata con il contributo del Ministero dell’Istruzione, della Scienza e della Cultura dei Paesi Bassi – SEDE DELLA CONFERENZA: Aula magna della Facoltà di Teologia Valdese, via Pietro Cossa 40, Roma (Italy).

Il comitato internazionale promotore della Conferenza (in ordine alfabetico): Francesco Boschi (REFO, Italia); Michael Brinkschroeder (European Forum of LGBT Christian Groups, Olanda); Michael Clifton (David et Jonathan, France); Francis De Bernardo (New Ways Ministry, Stati Uniti); Marianne Duddy-Burke (DignityUSA, Stati Uniti); Gianni Geraci (Il Guado, Italia); David Musonda (Dette Resource Foundation, Zambia); Innocenzo Pontillo (Progetto Gionata, Italia); Andrea Rubera (Nuova Proposta, Italia); Diane Xuereb (Drachma LGBT, Malta)

Portavoci della conferenza per la stampa: Gianni Geraci (gruppo Guado di Milano) e Andrea Rubera (gruppo Nuova Proposta di Roma)

.
Web site
: https://waysoflove.wordpress.com/Email: lestradedellamore@gmail.com

Media Patner: Progetto GionataPaginaFacebook https://www.facebook.com/waysoflove2014

Advertisements