Uno studio fa luce su come il magistero cattolico influenza gay e lesbiche e come una pastorale inclusiva fa la differenza

A pochi giorni dalla conferenza internazionale “Le strade dell’Amore, per una pastorale con le persone omosessuali e transessuali (Roma, 3 ottobre 2014)”, che vuole porre all’attenzione del Sinodo dei Vescovi cattolici la domanda «Quale pastorale per le persone omosessuali e transessuali», è stato finalmente pubblicato il lavoro di ricerca “Religione e omosessualità: uno studio empirico sull’omofobia interiorizzata di persone omosessuali in funzione del grado di religiosità“.
Questa ricerca, per la prima volta in Italia, analizza approfonditamente l’impatto degli insegnamenti del Magistero della Chiesa Cattolica sulla vita delle persone omosessuali e indaga sugli effetti che una pastorale cattolica, inclusiva e accogliente, può avere sui gay e sulle lesbiche cattolici.

Continua a leggere Uno studio fa luce su come il magistero cattolico influenza gay e lesbiche e come una pastorale inclusiva fa la differenza

Il cammino dei cristiani omosessuali di Kairos nelle parrocchie fiorentine

Testo tratto tratto dal sito del gruppo Kairos di Firenze, cristiani omosessuali di Firenze
.
In una della parrocchie cattoliche di Firenze che ci ospita il Venerdì santo, di ogni anno, viene organizzato un momento di preghiera ecumenico: ogni chiesa ed ogni gruppo sono chiamati a commentare una stazione della via crucis. Ci sono protestanti, valdesi, battisti, i giovani della parrocchia, il gruppo dei gesuiti e ci siamo anche noi di Kairos, le donne e gli uomini cristiani ed omosessuali di Firenze.
Questo incontro riassume in una serata i tanti anni di cammino del gruppo Kairos, nato nel 2001 dopo il gesto disperato del gay cattolico Alfredo Ormando che, il 13 gennaio del 1998, si diede fuoco per protesta in piazza San Pietro a Roma.

Continua a leggere Il cammino dei cristiani omosessuali di Kairos nelle parrocchie fiorentine

I cattolici LGBT italiani inviano al Sinodo dei Vescovi le loro proposte per una pastorale inclusiva

Roma, 23 settembre 2014. Dopo un lavoro di redazione collettiva durato circa sei mesi è ora stato ufficialmente spedito oggi alla segreteria del Sinodo dei Vescovi e a tutti i partecipanti italiani al sinodo stesso, il documento di proposte predisposto da omosessuali e transessuali italiani cattolici, riuniti sotto il Comitato Organizzatore del 3° Forum Italiano Cristiani LGBT.
Il documento vuole essere il primo contributo formalizzato al Sinodo dagli omosessuali e transessuali cattolici italiani, per far sentire la loro testimonianza, contribuire fattivamente ai lavori del Sinodo, animati da un’inedita voglia di partecipazione.
Il documento è integralmente disponibile (in ITALIANO ed anche in traduzione INGLESE) all’indirizzo http://www.forumcristianilgbt.it/index.php/home/gruppi-di-lavoro/proposte-sinodo, ed è articolato in 7 capitolo (più una premessa e delle conclusioni) che idealmente ripercorrono il percorso di vita di una persona omosessuale e i suoi rapporti con la Chiesa e le comunità di fede di riferimento: Scoprirsi omosessuali, Un figlio omosessuale, Innamorarsi, Vita di coppia, Genitori omosessuali, Contrasto all’omofobia, Persone transessuali. Ogni capitolo si conclude con le speranze sgorgate dai cuori e dalle penne del gruppo di redazione.
Una sintesi del documento, focalizzata sulle speranze, sarà pubblicamente letta al termine della conferenza teologica internazionale “Le strade dell’amore, per una pastorale con le persone omosessuali e transessuali” che avrà luogo a Roma il 3 ottobre.

Gli estensori del documento hanno dichiarato: “Le nostre proposte mirano a promuovere una cultura ecclesiale inclusiva e rispettosa della diversità di orientamento sessuale, a partire dalla formazione degli educatori (sacerdoti, catechisti, insegnanti di religione e, ovviamente, genitori) e dall’attenzione educativa e pastorale nei confronti delle persone omosessuali e transessuali che non dovrebbero essere trattati differentemente rispetto a chiunque altro, anche in riferimento al desiderio di affettività e alla conseguente apertura alle relazioni di coppia, in un quadro di fedeltà e sostegno reciproco.
Questo documento contiene la voce di tante persone, tante vite, tanti pensieri, tante speranze, tante energie, tanti desideri che, per la prima volta, si sono trovati riuniti per scrivere, produrre, proporre al Sinodo, in ottica collaborativa e partecipativa.
Ci rivolgiamo a tutti i partecipanti al Sinodo straordinario affinché prendano in carico queste speranze, raggiungano la consapevolezza della verità, della bellezza, e spesso anche della fragilità, delle vite e delle realtà di tante persone che da mesi stanno lavorando per passare dall’attesa alla partecipazione.”
.
Per informazioni e/o contatti Email: forumcristianilgbt@gmail.com

.
Scarica testo in ITALIANO (PDF)> Per una pastorale di accoglienza delle persone omosessuali e transessuali: proposte per il Sinodo dei Vescovi

Scarica testo in INGLESE (PDF)> Some proposals for the synod of bishops concerning a genuinely welcoming pastoral approach to homosexual and transgender persons

Conferenza internazionale su le chiese e la criminalizzazione dell’omosessualità nel mondo (Roma 11 ottobre 2014)

A Roma Sabato 11 ottobre 2014, dalle 16.30 alle 18.30, ai Musei Capitolini, nella sala Pietro da’ Cortona, in piazza del Campidoglio 1 avrà luogo la conferenza pubblica su “Quando l’identità diventa crimine. La criminalizzazione dell’omosessualità nel mondo” organizzata dall’European Forum of LGBT Christian Groups’ in collaborazione con Nuova Proposta e Gionata.org e col patrocinio del Comune di Roma (Assessorato alla Scuola, Infanzia, Giovani e Pari Opportunità) e del Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza olandese.
In circa 80 paesi del mondo, l’omosessualità è criminalizzata, e la prigionia o le punizioni corporali sono le sanzioni previste. In sette paesi è anche prevista la pena di morte come condanna per il “reato di omosessualità”.

Continua a leggere Conferenza internazionale su le chiese e la criminalizzazione dell’omosessualità nel mondo (Roma 11 ottobre 2014)

L’intervista. Come il magistero cattolico influenza gay e lesbiche e come una pastorale inclusiva fa la differenza

Intervista alla dott.ssa Arianna Petilli di Innocenzo Pontillo pubblicata su Progetto Gionata.org
.
A pochi giorni dalla conferenza internazionale “Le strade dell’Amore”, che vuole porre all’attenzione del Sinodo dei Vescovi cattolici la domanda «Quale pastorale per le persone omosessuali e transessuali», è stato finalmente pubblicato in maniera completa il lavoro di ricerca “Religione e omosessualità: uno studio empirico sull’omofobia interiorizzata di persone omosessuali in funzione del grado di religiosità” che, per la prima volta in Italia, analizza approfonditamente l’impatto degli insegnamenti del Magistero della Chiesa Cattolica sulla vita delle persone omosessuali e indaga sugli effetti che una pastorale cattolica, inclusiva e accogliente, può avere sui gay e sulle lesbiche cattolici.
La ricerca ha direttamente coinvolto alcuni gruppi italiani di cristiani omosessuali che, già da alcuni anni, fanno esperienza di una pastorale inclusiva che mira alla risoluzione di qualunque conflitto gay e lesbiche cattolici possano percepire tra le loro credenze religiose e la loro omosessualità.

Continua a leggere L’intervista. Come il magistero cattolico influenza gay e lesbiche e come una pastorale inclusiva fa la differenza

L’esperienza cilena di una pastorale cattolica per l’accoglienza di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali

Documento della Pastorale de la Diversidad sessuale CVX de Chile (Santiago del Cile), 14 settembre 2014, liberamente tradotto da Dino
.
Cari padri e care madri del Sinodo Straordinario della Famiglia. Cari amici e care amiche in Cristo, la Pastorale della Diversità Sessuale (PADIS+) è nata all’interno della Comunità di Vita Cristiana (CVX) di Santiago alla fine dell’anno 2010 come risposta alla richiesta di accompagnamento e accoglienza nella fede espressa da gay, lesbiche e bisessuali di varia età e provenienti da diverse esperienze, alcuni dei quali erano già membri della Comunità stessa. Fin dal suo nascere abbiamo fermamente creduto che questa Pastorale sia stata una risposta fedele e coerente all’azione dello Spirito, così come alla Buona Novella annunciata da Gesù Cristo.

Continua a leggere L’esperienza cilena di una pastorale cattolica per l’accoglienza di gay, lesbiche, bisessuali e transessuali